5 consigli per un piano editoriale di successo (fanpage Facebook)

413 0

Questo non è l’articolo che risolverà tutti i tuoi problemi da Community Manager però, puoi starne certo, sarà quello che aiuterà a far distinguere le tue fanpage Facebook da tutte le altre. Come? Vediamolo insieme…

SONY DSC

Ciao pioniere di Brand on line! Creare un piano editoriale non è mai un gioco da ragazzi anzi, è la base di partenza per promuovere le attività del tuo cliente. Se parliamo poi di una pagina Facebook, come in questo caso, il lettore medio è sempre alla ricerca di novità, soluzioni ai suoi problemi o sconti sugli acquisti. Dopo averti parlato di come creare e gestire una fanpage e dopo averti descritto come, cosa, quando e quanto pubblicare, oggi ti consiglierò questi 5 fondamentali per creare un piano editoriale di successo.

1. Conoscenza del Brand

Non creare alcun contenuto se non sai precisamente di cosa devi parlare. Siediti a tavolino col tuo referente aziendale (possibilmente un veterano) davanti ad un caffè, e fatti immergere nella storia del Brand. E’ importante che abbandoni la tua posizione da Community Manager e cerchi di vederlo come se fossi un potenziale cliente. Analizza il sito internet, studia il prodotto che devi vendere e approfondisci il target dei tuoi consumatori (età, sesso, interessi, hobby, demografia). Fai una ricerca e scova i competitors; osserva il loro lavoro e cerca di scovare eventuali criticità.

2. Contenuti

La parola d’ordine è: qualità. Serve freschezza e originalità nei contenuti che pubblicherai. Individua il tono di voce adatto al tuo Brand ed a livello di copy. Scopri e sfrutta news di blog, siti e community di settore, soprattutto esteri, se parliamo di un marchio italiano. Perchè? Semplice, siamo un paese in ritardo di innovazione, per cui troverai sempre più novità da paesi come Stati Uniti e Nord Europa, di conseguenza attirerai sempre maggior interesse con guest news anzichè la solita notizia riciclata da più media. Elabora il giusto mix tra testi, immagini e video, ad esempio: oggi solo testo, domani testo + immagine, il giorno seguente testo + video, e così via.

3. Documento Q/A

Il Santo Graal del Community Manager. E’ indispensabile questo documento testuale. Riportati tutte le domande e risposte caratteristiche che il pubblico potrebbe richiedere, in questo modo non ti farai mai trovare impreparato su nessun argomento relativo al Brand. In caso sorgessero quesiti non presenti nel nostro documento, fai appello al referente aziendale col quale avevi preso il caffè, il quale saprà sicuramente darti risposte precise. Tuttavia, questo materiale, può anche essere utilizzato per eventuali sane competizioni all’interno della nostra fanpage Facebook. Non credi?

4. Calendarizzazione

Anatomizza gli Insight, senza scrupoli, scova il tuo vero pubblico e cerca di captare gli orari in cui è più attivo. Si è parlato molto di orari e giorni di pubblicazione; c’è chi conferma che la mattina tra le 11 e 12 ed il pomeriggio tra le 14.00 e le 16.00 ci sia un’interazione maggiore da parte dell’utente medio, soprattutto il mercoledì. Ciò nonostante non dimenticare mai che ogni Brand ha obiettivi diversi e la propria tipologia di pubblico, di conseguenza queste statistiche non sono del tutto veritiere. Un ultimo consiglio per la calendarizzazione: utilizzare tools come Hootsuite e/o Buffer aiuta molto in termini di tempo, senza dubbio. Personalmente però, dato che parliamo di fanpage Facebook, ti suggerisco di gestire la programmazione all’interno del Social, “manualmente”, dato che (finalmente) ce n’è la possibilità. Questo perché il papà della F più famosa al mondo, il buon Mark Elliot Zuckerberg, si sa, non ama particolarmente che si pubblichino post da piattaforme esterne a Facebook e potrebbe penalizzarti in termini di visibilità dei tuoi contenuti.

5. Eventuale gestione crisi

Non dimenticare mai che stai gestendo la fanpage per conto di un Brand, pertanto, in caso di commenti negativi, rispondi sempre e con tono educato; mostrati disponibile alla risoluzione del suo problema. Cerca ogni volta di spingere lo scrivente a mandarti un messaggio privato su Facebook, così da non alimentare la crisi in modo virale. Se dovessero esserci ulteriori incertezze, da parte del consumatore/utente/lettore, comunicagli una casella eMail ufficiale (non la tua personale, mi raccomando) in modo da spegnere ogni sua preoccupazione.

 

 

Total 1 Votes
0

Tell us how can we improve this post?

+ = Verify Human or Spambot ?

About The Author

Classe '83, tenero amante del tortellino in brodo, ex basketball player, tifoso di colori rossoneri, oggi papà e marito. Mi occupo di Social Media Marketing dal 2012 per PMI, aziende e brand pubblici. Dal 2015 mi sono verticalizzato sull'Instagram Marketing. Sono quella persona che siede davanti al computer tra le 8 e le 12 ore al giorno, per curare al massimo il tuo brand.

Commenta l'articolo!

Nessun commento on "5 consigli per un piano editoriale di successo (fanpage Facebook)"

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*