Come aumentare gli iscritti alla newsletter con Instagram [GUIDA]

1341 2

Nel mio precedente articolo L’interazione su Instagram è calata del 33% in un solo anno avevo concluso con un pensiero ben preciso. Una tendenza.

Ve la riporto nuovamente qui:

“…proprio perché il modo di comunicare ha regole differenti, più dirette, più friendly. Guarda caso molto similari alla stessa tendenza in cui stiamo sfociando oggi: quella col target più affine a noi, al nostro brand.”

Per chi non l’avesse ancora colta questa tendenza, la riporto qui: ci stiamo avvicinando ad una comunicazione sempre più privata e personale col nostro target. I social rimarranno ancora lungo i portatori di grande visibilità per i brand, ma una volta fidelizzato il nostro pubblico dovremo portarlo a un livello superiore, in cui si senta l’esclusivo protagonista dei nostri contenuti.

Ecco perché nascono tanti canali Telegram (questo è il mio). Ecco perché l’e-mail non morirà mai, anzi, ne gioverà di questa tendenza.

E se godete di un buon seguito su Instagram, potrete sfruttare la vostra influenza per aumentare gli iscritti alla newsletter!

Che poi mica ve lo regalano il loro indirizzo eMail gli utenti, oggi ce lo fanno proprio sudare, perché è divenuto una sorta di canale personale dove desiderano ricevere e leggere messaggi solo di pochi eletti.

Il tempo del “inserisci il tuo miglior indirizzo e-mail” è finito, dobbiamo sempre donare qualcosa prima di ricevere in cambio la vera moneta di scambio a cui puntiamo, ovvero il lead: l’indirizzo di posta elettronica.

Come fare Lead Generation con Instagram, per aumentare gli iscritti alla newsletter

Vi immaginate se riuscissimo a raccogliere anche solo la metà degli indirizzi di posta elettronica dei nostri followers su Instagram?

Diventeremmo ricchi!

Però la nostra responsabilità nei loro confronti aumenterebbe a dismisura, perché si aspetterebbero sempre qualcosa di nuovo ma soprattutto di UTILE al loro scopo.

Quindi, conquistare la loro fiducia richiederà tempo, pazienza e lavoro, ma una volta acquisiti dovremo poi rispettare le promesse e le loro aspettative.

Ma non corriamo, siamo qui per capire come convincerli ad iscriversi alla nostra newsletter, giusto?

#1 la prima impressione è quella che conta

Ne avevo parlato qui all’inizio di marzo, se desiderate approfondire l’argomento.

Sostanzialmente dobbiamo rendere interessante, di impatto, il nostro profilo. Quindi non servirà solo una foto profilo che attiri l’attenzione, ma anche una bio capace di convertire e un progetto fotografico che emerga dalla nostra gallery.

Nel mio piccolo penso di aver lavorato bene, quindi potreste prendere spunto dal mio account personale.

Eccolo!

Come aumentare gli iscritti alla newsletter con Instagram

#2 offrite qualcosa di UTILE

Come scrivevo prima, prima di ricevere dobbiamo dare.

Ma il tempo della fuffa è finito, l’utente oggi sa cercare, riconoscere e (spesso) utilizzare un prodotto o servizio. Perciò il vostro compito è quello di offrire qualcosa di oggettivamente utile, atto quindi a rispondere concretamente alle loro domande.

E se così non fosse, sappiate che ci metteranno poco a recensirvi negativamente. Dunque siate consapevoli di ciò che regalate: ne va del vostro personal branding.

Tornando a noi, per arrivare ad ottenere l’indirizzo eMail dei nostri utenti dovremo offrire loro qualcosa.

Queste le soluzioni che tendenzialmente portano alla conversione da potenziale cliente a Lead:

  1. un cospicuo coupon di sconto per gli iscritti alla newsletter
  2. una guida, un mini-corso o una consulenza gratuita di un’ora per tutti gli iscritti alla newsletter
  3. un concorso con in palio un gadget allettante per tutti gli iscritti alla newsletter
  4. un ebook esclusivo per tutti gli iscritti alla newsletter

Come avrete notato, è fondamentale che tutti i regali che intendiamo fare ai nostri followers puntino ad un semplice compito: essere iscritti alla newsletter.

Direi tassativo, se vogliamo aumentare i Lead.

Un ottimo esempio lo è l’account Instagram di The Web Mate, Stefano Mongardi, co-founder di Instagram On Fire e del più recente SnappyRush: il primo corso in italiano di Snapchat per incrementare le visualizzazioni dei nostri snap e la popolarità dei nostri profili.

Stefano, infatti, propone di scaricare la sua guida gratuita acquisendo di fatto il Lead e solo in un secondo momento, attraverso un’ottima strategia di newslettering nei giorni successivi al download gratuito, proponendo di acquistare il corso completo (che vi consiglio).

Date un’occhiata voi stessi:

Come aumentare gli iscritti alla newsletter con Instagram

#3 pagina di destinazione per la Lead Generation

Il vostro account Instagram sono certo che sarà uno dei migliori, dei più curati e attenti alle tendenze del canale stesso, tuttavia non sarà sufficiente per persuadere (si intende sempre in modo onesto e positivo) al 100% il potenziale cliente.

I vostri utenti, per poter eseguire il download di ciò che avete loro offerto, dovranno atterrare su una landing page dedicata. Una pagina di destinazione con un layout bello pulito per ridurre al minimo le distrazioni.

Ecco le 4 parti fondamentali su cui dovrà essere composta la vostra landing per fare Lead Generation:

  1. una breve descrizione per ricordare ciò che stiamo regalando e quanto sia utile per “quel” determinato motivo
  2. un semplice form di iscrizione (non dimenticate di richiedere l’indirizzo eMail che è il vostro vero fine)
  3. una call-to-action seducente prima del pulsante di download
  4. un pulsante di download, bello evidente che permetta immediatamente di ricevere quanto gli abbiamo promesso

Consiglio: se volete approfondire la vostra conoscenza su come costruire landing page efficaci, vi consiglio il nuovo libro di Luca Orlandini.

Qui, invece, potrete trovare altri 11 consigli che l’amico Nicola Carmignani ha pubblicato non meno di un anno fa sul suo blog.

Tornando all’ottimo lavoro svolto da Stefano Mongardi per il suo corso SnappyRush, ecco uno screenshot della sua landing page che io ritengo essere efficace e che vi consiglio di analizzare (cliccate sull’immagine sotto e poi scrollate col mouse verso il basso):

Come aumentare gli iscritti alla newsletter con Instagram

#4 la chiamata all’azione nella bio di Instagram

Poco fa parlavamo di call-to-action, ricordate? In merito alle landing.

Bene, ora vedremo come applicarle alle vostre bio di Instagram.

Perché è importante integrare il link diretto (e tracciato!) al prodotto/servizio che desiderate offrire alla vostra utenza, ma è altrettanto fondamentale servirlo su un piatto d’argento.

Sperando che nessuno si offenda, una chiamata all’azione perfetta deve essere “a prova di imbecille”. Ovvero che anche l’ultimo della classe, quello meno esperto di web, capisca e venga attirato a cliccare lì: su quel pulsante o su quel link.

In questo modo avrete molte più possibilità di far compiere l’azione desiderata e, quindi, anche di aumentare gli iscritti alla newsletter!

Qui, il mitico Tagliaerbe, ci spiega come costruisce le sue migliori chiamate all’azione.

Concludendo, date un’occhiata al profilo di @thegramgang e della sua manager @stephjgilbert: adoro la sua cura nei dettagli, soprattutto le sue call-to-action.

Come aumentare gli iscritti alla newsletter con Instagram

Bene, se il vostro obiettivo era quello di aumentare gli iscritti alla newsletter ore sarete in grado di farlo anche attraverso il social visual per antonomasia: Instagram.

In bocca al lupo amici!

Total 2 Votes
0

Tell us how can we improve this post?

+ = Verify Human or Spambot ?

About The Author

Classe '83, tenero amante del tortellino in brodo, ex basketball player, tifoso di colori rossoneri, oggi papà e marito. Mi occupo di Social Media Marketing dal 2012 per PMI, aziende e brand pubblici. Dal 2015 mi sono verticalizzato sull'Instagram Marketing. Sono quella persona che siede davanti al computer tra le 8 e le 12 ore al giorno, per curare al massimo il tuo brand.

Commenta l'articolo!

2 commenti on "Come aumentare gli iscritti alla newsletter con Instagram [GUIDA]"

  1. Pingback: Concorsi a premi su Instagram: fate attenzione a CHI citate

  2. Pingback: La fidelizzazione del pubblico non è più un obiettivo di comunicazione

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*