La collaborazione con un’azienda nasce da un commento

164 6
La collaborazione con un'azienda nasce da un commento

Instagram.

Ancora lui. Sempre, più, lui.

Il visual social network per antonomasia, quello con la crescita più costante degli ultimi 4 anni e con il tasso di engagement più alto, ha la capacità divina di attivare nuove fruttuose collaborazioni grazie ad un semplice commento.

Infatti con sempre più frequenza noto la spontaneità dei brand a commentare e proporre – con grande entusiasmo – vere e proprie proposte di lavoro.

Un po’ come è successo a me ieri…

La collaborazione con un'azienda nasce da un commento

Se ve lo stavate chiedendo, sì, nelle ore successive ho attivato ufficialmente una collaborazione col brand.

Ma non gratuita!

Seppur io non sia ancora all’altezza dei grandi instagramers italiani con decine di K al seguìto, la mia professionalità e il tempo che impiegherò devono essere remunerati.

Pensateci, è pur sempre lavoro, e che richiede determinate caratteristiche. Come:

  1. ideare la strategia creativa
  2. creare/cercare il set fotografico più adatto (spesso più di uno)
  3. scattare le foto nei momenti ideali della giornata (se ti trovi all’aperto)
  4. fase di selezione degli scatti
  5. fase post produzione mirato all’ottimizzazione delle immagini
  6. e, infine, la pubblicazione

Perché poi anche la pubblicazione richiede tempo, tanto quanto gli step che la precedono.

La collaborazione con un'azienda nasce da un commentoI tag, la caption e la scelta degli hashtag sono fondamentali per la visibilità dei contenuti visual che andremo a proporre.

Soprattutto se vi trovate nella mia stessa posizione, con un account e un progetto fotografico in piena fase di investimento e di crescita.

La stessa pubblicazione delle foto concordate con l’azienda cliente, col fine della sponsorizzazione del prodotto/servizio, non avviene nell’arco di una giornata ma nel tempo. Quindi, anche in questo frangente, servirà un’analisi per la miglior propagazione delle immagini in termini di giorni e orari.

Gratis è morto e chi desiderasse farlo risorgere sappia che ne andrà delle sua stessa professionalità

Tengo appunto a ricordare che meno ci facciamo pagare e più il valore del nostro brand si abbassa, agli occhi e nell’inconscio di chi ci sta di fronte.

Poi, per l’amor di Dio, le nostre offerte devono sempre essere in linea con le nostre capacità.

Ma torniamo ai veri temi di oggi:

  • l’entusiasmo dei brand nel cercare nuove collaborazioni
  • l’approccio tramite commento

Questo fa trasparire – fin dal primo istante – che quel potenziale cliente ha capito come approcciare il proprio brand al web e, in particolar modo, come in questo caso, ad Instagram.

Ovvero far trasparire che l’azienda sono le stesse persone che la popolano, la vivono e ne gestiscono la comunicazione.

E se non credi in ciò che fai non ci metti entusiasmo, giusto?

Ecco perché credo che il commento sia la migliore tipologia di strategia e di approccio verso gli igers, che vivono grazie all’engagement che riescono a generare quotidianamente e, di fatto, il brand agli occhi dell’instagramer partirebbe col piede giusto.

Perciò, aziende (e amici), commentate. E fate trasparire tutta la vostra buona volontà nel voler instaurare un determinato rapporto.

 

Total 0 Votes
0

Tell us how can we improve this post?

+ = Verify Human or Spambot ?

About The Author

Ciao! Mi chiamo Alessandro Pozzetti, sono un freelance e mi occupo di Social Media Marketing e Blogging. Sono quella persona che siede davanti al computer tra le 8 e le 12 ore, al giorno, per curare al massimo il tuo brand.

Commenta l'articolo!

6 commenti on "La collaborazione con un’azienda nasce da un commento"

  1. Kya

    Complimenti Alessandro! 🙂
    Mi chiedevo in questi giorni come fosse possibile creare rapporti fruttuosi con Instagram, al di là dei like che, nei profili che gestisco, fortunatamente fioccano.
    Mi hai appena dato una buona testimonianza.

  2. Pingback: Profili Instagram: la prima impressione è quella che conta

  3. Pingback: Come creare una bio di Instagram che converte

  4. Pingback: Costruisci il tuo progetto fotografico e affascina l'Instagram - APclick

  5. Pingback: Whalar, il tool perfetto per Instagram e l'Influencer Marketing

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


(Richiesto)