Come costruire una caption coinvolgente

1236 9

 

Mi capita – ogni tanto – di ricevere complimenti per le mie caption su Instagram.

Premessa: quando parlo di caption intendo quel testo che andiamo ad inserire sotto la foto prima di pubblicarla.

Quella che vedete nel riquadro rosso sotto, per intenderci…

Come costruire una caption coinvolgente

Creare una caption che solleciti il target a commentare o comunque ad interagire con almeno un Like non è facile, se no saremmo tutti dei content manager.

Spesso anche io mi trovo in difficoltà, soprattutto quando ho avuto una settimana piena di appuntamenti e scadenze.

Recuperare le parole giuste in momenti di fretta e ogni santo giorno, che vadano a supportare la parte visual del contenuto, può essere stressante. Inoltre, vi vedrete scivolare via anche quel briciolo di fantasia che un secondo prima avevate.

Il primo vero consiglio, quindi, è: NON PUBBLICATE AL VOLO.

La fase di editing di una foto è fondamentale, ma la conversione in commento passa anche per la caption.

Trovate il tempo durante la settimana, in un qualsiasi momento libero a vostra disposizione, di prepararvi un calendario editoriale.

Vi spiego la mia “strategia”, in breve:

  1. scelgo le foto da pubblicare (almeno 1 al giorno)
  2. edito e salvo su Drive ogni immagine
  3. elaboro la caption e la salvo sull’app Note (c’è sia per iOS che Android)
  4. scelgo gli hashtag e li salvo sempre in Note

Questo mi porta via circa 4 ore la settimana, per una media – attuale – di 12 foto.

Non avete tutto quel tempo e volete gestire il tutto day by day?

Allora il mio consiglio è quello di prepararvi almeno i contenuti visual, la sera prima. Questo vi farà risparmiare diversi minuti il giorno seguente, se siete sempre di corsa.

Diverso il discorso, invece, se state partecipando ad un evento e il tutto si gioca sull’istantaneità che l’ente (o l’azienda) che vi ha ingaggiato pretende.

In questo specifico caso vi posso dare altri due consigli:

  1. preparatevi almeno una serie di hashtag da poter copiare ed incollare al volo
  2. il punto 1 vi permetterà di risparmiare tempo prezioso e, quindi, di scrivere un contenuto testuale legato all’oggetto dell’evento con una vostra piccola personalizzazione, che ovviamente vi distinguerà dagli altri partecipanti

Il secondo consiglio per creare un caption coinvolgente è: ALLARGATE GLI ORIZZONTI.

Nel mio piccolo, prendo spunto da testi di canzoni e aforismi di autori, storie di vita quotidiana o semplici idee che mi passano per la testa.

Una boccata d’aria condita da buona musica, in me, gioca un ruolo determinante in tema di creatività.

Vi faccio un esempio alla portata di tutti: affacciatevi alla finestra dell’ufficio o uscite di casa qualche minuto se siete dei freelance. Poi, cliccate sulla vostra libreria musicale e ascoltate una canzone che sapete generi in voi buon umore o, comunque, un qualsiasi sentimento (basta che non sia rabbia, non pubblicate allora) di cui necessitate in quel momento.

Come costruire una caption coinvolgente

Ecco, io, con questa tecnica, riesco quasi sempre a generare pensieri piuttosto coinvolgenti.

Fondamentale, anche, che le vostre caption mostrino sempre quel velo di positività e/o propositività: gli opinionisti da corridoio e terroristi da tastiera non li vuole più leggere nessuno.

Se non i loro simili. O quei quotidiani digitali di cui non desidero nemmeno spendere il nome.

Terzo ed ultimo consiglio: NON SIATE ISTITUZIONALI.

Instagram è l’ultimo social che ha nelle sua caratteristiche l’istituzionalità.

Proprio stamattina parlavo con l’amico Enrico Flaccovio e spendevamo parole positive su quegli account che trasformano in racconto (non utilizzo la parola storytelling perché mi ha stancato) la propria gallery.

Anche se Instagram non è la loro piattaforma di riferimento hanno captato comunque come utilizzarla a loro favore, a loro giovamento. Un nome su tutti in Italia è Skande, mentre se vogliamo andare oltre oceano il miglior esempio è Guy Kawasaki.

Ovunque vadano e qualsiasi cosa stiano pubblicando, se non c’è il loro viso sorridente nella foto c’è comunque quel file rouge di positività che traspare, quell’indispensabile senso umano.

Dove?

Nella caption ovviamente, e senza alcuna punta di istituzionalità (che può sfociare anche nell’arroganza, se siete un brand) ma solo raccontando ciò che vi stanno mostrando con le loro foto.

 

 

Total 1 Votes
0

Tell us how can we improve this post?

+ = Verify Human or Spambot ?

About The Author

Classe '83, tenero amante del tortellino in brodo, ex basketball player, tifoso di colori rossoneri, oggi papà e marito. Mi occupo di Social Media Marketing dal 2012 per PMI, aziende e brand pubblici. Dal 2015 mi sono verticalizzato sull'Instagram Marketing. Sono quella persona che siede davanti al computer tra le 8 e le 12 ore al giorno, per curare al massimo il tuo brand.

Commenta l'articolo!

9 commenti on "Come costruire una caption coinvolgente"

  1. Pingback: Come costruire una caption coinvolgente | marke...

  2. Ciao Alessandro, bellissimo post…come il tuo profilo Instagram, del resto! 😉 Anch’io credo molto nell’importanza di non farsi “travolgere” da impegni e scadenze: le idee creative e le ispirazioni nascono proprio nei momenti in cui si riesce a staccare, nicchie di tempo da ritagliarsi, anche solo per qualche minuto al giorno. Respirando.

  3. Pingback: Costruisci il tuo progetto fotografico e affascina l'Instagram - APclick

  4. Pingback: Pianificare un account business Instagram perfetto

  5. Pingback: Concorsi a premi su Instagram: fate attenzione a CHI citate

  6. Pingback: Programmare e pubblicare post su Instagram con HopperHQ

  7. Pingback: La fidelizzazione del pubblico non è più un obiettivo di comunicazione

  8. Pingback: Cosa sono gli shoutout su Instagram, quanto costano e quando si possono sfruttare

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*