Come scegliere gli hashtag da utilizzare su Instagram (per aumentare la visibilità di foto e video)

6268 0

Su Instagram, quando parliamo di account privati e account business, parliamo di profili personali e profili aziendali. Fatta questa distinzione, per entrambe le tipologie, possiamo utilizzare i medesimi hashtag.

Sì perché con gli hashtag, che sono semplici tag cliccabili, andiamo a identificare e posizionare tutti i nostri contenuti fotografici e video nella sezione Esplora sull’app (freccia rossa nell’immagine sotto).

In quanto a “identificare” e “posizionare” è importante sapere come scegliere gli hashtag per Instagram, per avere maggiori possibilità di essere raggiunti da tanti altri account in target, che abbiano i medesimi interessi legati alla foto/video che avete appena condiviso.

“Interessi” intesi come viaggi, cucina, moda, automobili, fotografia, arte, etc.

A proposito, vi aggiungo un consiglio: più il vostro account sarà verticale e più avrà possibilità di emergere. Trattate dunque un argomento se siete un brand, oppure un paio di argomenti se siete un privato (come viaggi e moda, oppure fotografia e arte). Questo vi porterà ad ottenere un progetto fotografico distinguibile. E non di tutto un po’, ecco.

Tornando a noi, tutto ruota attorno alla radice, all’argomento che avete scelto di trattare, hashtag inclusi. Per intenderci: se pubblicate una foto della Ghirlandina di Modena, non ha senso che andiate ad utilizzare un hashtag come #bologna. Per un soggetto modenese, dovrete inserire hashtag come #modena e correlati.

Dove trovare i correlati? Direttamente in app!

Basta digitare #modena nella sezione Esplora di Instagram e vi comparirà una lista scrollabile di tutti quelli più utilizzati.

Come scrivevo poc’anzi, se avete pubblicato un’immagine della Ghirlandina di Modena, fate comunque attenzione a scegliere i giusti hashtag fra quelli che troverete tra i correlati. Ad esempio: integrare un #modenanails non avrebbe senso e soprattutto non andrebbe a posizionare la foto verso il target di riferimento, ma con tutta probabilità la indirizzerete a delle estetiste.

Soffermiamoci ancora un attimo sull’immagine che vi ho proposto sopra: notate che la ricerca è composta da 4 possibili sezioni cliccabili?

  • cliccando su Principali, vi verrà restituita una lista di tutti gli hashtag correlati a #modena
  • cliccando su Persone, vi verrà restituita una lista degli account più interessanti che hanno come riferimento l’hashtag #modena
  • cliccando su Tag, vi verrà restituita la medesima lista ricercata in Principali, in quanto avevate eseguito una specifica ricerca come #modena, appunto, e non semplicemente “modena”
  • cliccando su Luoghi, vi verrà restituita una lista dei geotag più sfruttati che hanno sempre come riferimento l’hashtag #modena

.

Un altro strumento interessante, mooolto interessante, che vi aiuterà nell’identificare hashtag correlati ad un tema o ad un altro tag, è Iconosquare. La versione a pagamento è un po’ caruccia, perché parliamo di circa 15€ al mese, ma se il vostro obiettivo è quello di emergere allora un tool come Iconosquare vi diverrà pressoché indispensabile, anche per analizzare i dati.

Meglio utilizzare gli hashtag di nicchia o i più popolari, per essere pubblicati da Instagram?

Entrambi, ma nella giusta dose quelli più popolari. Perché il ricircolo di contenuti pubblicati su Instagram con hashtag popular come #travel #food #moda – giusto per citarne qualcuno – è altissimo, e la possibilità che la vostra foto o il vostro video vengano scoperti dal network si ridurranno drasticamente.

Discorso differente, invece, quando andiamo ad inserire hashtag dove troviamo agganciati massimo 200 mila contenuti (indicativamente). La vostra immagine o il vostro video, se apprezzato dal target di riferimento, potrà rimanere tra le 9 foto più popolari anche per oltre 48h! E questo significa presidiare un prestigioso ed oculato palcoscenico, per più tempo.

Nello screenshot sotto, i 9 post più popolari con l’hashtag #Modena, alle ore 15.54 del 18/04/2017.

Concludendo, su 60 hashtag a disposizione (30 nella descrizione + 30 in un commento), quanti utilizzarne di popolari e quanti di nicchia?

Il mio suggerimento è: non più di un 40% di popolari, non meno di un 60% di nicchia.

Fate attenzione agli hashtag considerati Spam

Una grande piaga fra quelli che vengono definiti “gli hashtag più popolari” (che non è ovviamente così), sono quei tag che vengono considerati spam da Instagram e che frequentemente troviamo nelle liste più comuni durante una ricerca su Google come questa.

Evitate come la peste, dunque, quegli hashtag che vi promettono di aumentare like e follower come: #alwaysfollowback #f4f #follow #follow4like #followall #followbackalways #followbackteam #follower #followers #followforfollow #followher #followme #follownow #follows #followus#followher #followyou #ifollow #likeback #me #pleasefollow #pleasefollowme #tagsta #tagstagramers #teamfollowback

(per chi se lo chiedesse, ad oggi Instagram non ha mai rilasciato una lista ufficiale di hashtag considerati spam)

Immagino che ora vi starete chiedendo “qual è la grande punizione per le foto e per i video che presentano un tag considerato spam?”

Molto semplice: non si posizioneranno MAI, per nessun hashtag presente nel medesimo contenuto, perché il tag considerato spam comprometterà anche i restanti 59. Alias la vostra foto/video non comparirà nella sezione Esplora.

Quelli che vi avevano promesso sogni di gloria con le loro liste e “guide definitive” su come aumentare follower e Like sfruttando gli hashtag più popolari, mi dispiace, ma si sono rivelati incubi.

Consiglio pratico

Preparatevi quattro, cinque o addirittura sei liste da 30 hashtag ciascuna. Sempre pronte, per non farvi mai trovare impreparati.

Io le ho salvate nelle Note del mio iPhone, e questa piccola pratica mi permette di avere a portata di mano – in qualsiasi momento – gli hashtag più adatti per andare a pubblicare più velocemente e posizionare i contenuti verso il mio target di riferimento. Anche quando sono in viaggio o in situazioni in cui il tempo a disposizione è poco.

Buon hashtag 😉

Total 7 Votes
0

Tell us how can we improve this post?

+ = Verify Human or Spambot ?

About The Author

Classe '83, tenero amante del tortellino in brodo, ex basketball player, tifoso di colori rossoneri, oggi papà e marito. Mi occupo di Social Media Marketing dal 2012 per PMI, aziende e brand pubblici. Dal 2015 mi sono verticalizzato sull'Instagram Marketing. Sono quella persona che siede davanti al computer tra le 8 e le 12 ore al giorno, per curare al massimo il tuo brand.

Commenta l'articolo!

Nessun commento on "Come scegliere gli hashtag da utilizzare su Instagram (per aumentare la visibilità di foto e video)"

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*