Facebook è fondamentale per trovare lavoro e clienti

1091 3

Il Work trends study 2015 di Adecco, per il quinto anno in Italia, ha coinvolto 2.742 candidati e 143 recruiter. E i risultati dicono che il digitale ha ormai conquistato il settore delle risorse umane, tanto che per Adecco entro il 2017, più di due candidati su tre (il 71%) verranno individuati attraverso una ricerca online. Da un lato i candidati, che cercano lavoro sul web nell’80% dei casi, dall’altra chi arruola, che utilizza il web ormai il 64% delle volte. Cifre che raccontano un mondo totalmente nuovo, in fatto di lavoro. I siti delle aziende e le aree Lavora con noi hanno ancora un ruolo determinante, ma l’utilizzo dei social network è crescente. LinkedIn, ma a sorpresa anche Facebook, sono canali sempre più performanti. A trovare lavoro grazie ai social network è – secondo Adecco – l’8,4% dei candidati (+1,4% rispetto al 2014).

 

Facebook è fondamentale per trovare lavoro e clienti

Questo è lo stralcio di un articolo apparso su Il Sole 24 Ore lo scorso 12 novembre, che ho tenuto al caldo e ponderato sino ad oggi, indeciso se e come parlarne.

“Se” parlarne perché quello di Recruiter & Lavoro è un tema che su questo blog è apparso spesso, “Come” parlane perché non sono pienamente convinto che i dati di Adecco rispecchino la realtà attuale, sebbene abbia apprezzato la ricerca.

Ma andiamo per gradi.

Tempo fa scrivevo “Siete in cerca di un lavoro? Aiutate i recruiter!” in cui spronavo l’utente medio che utilizza quotidianamente i più comuni social network, in particolare LinkedIn, a curare i propri profili personali, rendendoli accessibili e visitabili a chiunque, senza timore che venga sorpreso in foto esuberanti e considerazioni estreme.

Questo perché, con sempre più frequenza, siamo sbirciati da uffici del personale, referenti aziendali ed agenzie interinali in cerca di papabili candidati da assumere per le posizioni vacanti. Ciò comporterebbe “semplicemente” impostare una propria immagine, ovvero saper comunicare in modo esplicito chi siamo, cosa facciamo e lasciar trasparire perché dovrebbero sceglierci, grazie alle nostre skill.

  • A proposito, ci vengono incontro i due libri di Riccardo Scandellari, che vi consiglio vivamente se siete in fase di rilancio della vostra immagine o di decollo se vi siete messi in proprio da poco.

Veniamo ora al vero e proprio tema: Facebook. Perché i risultati evidenziano, e ciò ha sorpreso molto l’utente medio del web, che questa piattaforma è una delle principali a cui i recruiter attingono per scoprire di più sulla nostra persona.

Personalmente non la trovo una novità, anzi. Basti pensare al nostro piccolo: quando non conosciamo un soggetto, tendenzialmente, il primo canale sul quale lo andiamo a cercare è proprio Facebook, perché è il social network sul quale “ci sono tutti” e sul quale sappiamo di andare praticamente a colpo sicuro.

Sarà anche un luogo comune, ma è così.

Perché i recruiter, che sono persone comuni, dovrebbero fare diversamente? LinkedIn è importante per mostrare la nostra professionalità, certo, ma quando si è in cerca di un candidato da proporre ad un’azienda cliente, si cerca anzitutto una persona che non rechi danno – seppur indirettamente – all’immagine del brand per cui lavora.

Facebook è fondamentale per trovare lavoro e clienti

Clicca sull’immagine e formati su come mostrare la tua immagine sul web!

Durante le mie docenze sul tema Educazione Digitale, cerco sempre di trasmettere questo messaggio: saper “stare al mondo” è importante, ma oggi è determinante comunicare nel giusto modo anche sul mondo web, perché ne va del nostro futuro e perché siamo raggiungibili da tutti.

Quante volte abbiamo letto di dipendenti licenziati perché avevano pubblicato un insulto verso il proprio datore di lavoro o verso l’azienda?

Facebook è il primo ostacolo di una lunga serie che dobbiamo sempre far superare positivamente ai recruiter delle agenzie interinali e agli uffici del personale, se stiamo cercando lavoro, e alle aziende se siamo un brand in cerca di nuovi clienti.

Partiamo dal rendere visibili solo agli amici quei contenuti più delicati, e se troppo compromettenti, inviamoli per messaggio privato ai destinatari preposti, se proprio non possiamo farne a meno. Invece, rendiamo pubblici quei post che vogliamo indirizzare al nostro target e che vogliamo (per tempo) posizionare sul nuovo motore di ricerca Facebook Search.

Ma questo è un altro argomento di cui parlerò a tempo debito, quando Facebook Search verrà rilasciato anche al nostro paese.

Stay tuned 😉

 

_____________________

 

Hai domande o dubbi? Contattami con l’hastagh #AskPoz su Twitter!

 

Total 0 Votes
0

Tell us how can we improve this post?

+ = Verify Human or Spambot ?

About The Author

Classe '83, tenero amante del tortellino in brodo, ex basketball player, tifoso di colori rossoneri, oggi papà e marito. Mi occupo di Social Media Marketing dal 2012 per PMI, aziende e brand pubblici. Dal 2015 mi sono verticalizzato sull'Instagram Marketing. Sono quella persona che siede davanti al computer tra le 8 e le 12 ore al giorno, per curare al massimo il tuo brand.

Commenta l'articolo!

3 commenti on "Facebook è fondamentale per trovare lavoro e clienti"

  1. Pingback: Sei un cattivo pagatore? Lo dicono i social - APclick

  2. Pingback: TO READ | Pearltrees

  3. Pingback: Facebook ha ghermito tutti (aziende comprese)

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*