L’interazione su Instagram è calata del 33% in un solo anno

1226 5

 

Un recente studio di Quintly su 13.000 account Instagram ha dimostrato che l’engagement è calato del 33% sulla piattaforma, in un solo anno.

Precisamente: una diminuzione media del 27% verso le immagini e del 39% verso i video.

Ma analizziamo meglio i dati proposti da Quintly:

L'interazione su Instagram è calata del 33% in un solo anno

Ad un primo sguardo salta agli occhi un dato comune col fratello maggiore Facebook: più gli account sono popolari, quindi da 1k in su, più le percentuali di interazione calano.

Addirittura si arriva ad un -62% per gli account con più di 10 milioni di followers!

Ma sappiamo tutti che i profili popolari ce li andiamo a cercare noi, manualmente, perché desideriamo tenerci aggiornati su tutto quello che accade attorno a quel determinato brand.

Sono i medio-piccoli ad aver subito veramente lo scossone: quelli tra 1k e 10k.

In proporzione, del calo di engagement rapportato al numero di followers, ne hanno risentito decisamente più loro.

“Quindi i profili aziendali (e non) che stentano a decollare, non esploderanno mai con questo ritmo in calo?”  immagino vi starete chiedendo…

No, assolutamente no. È normale che dopo una fase di fidelizzazione del proprio target, questi rallentino il ritmo di interazione.

È fisiologico che dopo l’innamoramento ci sia una fase di stallo, di allineamento nel rapporto, in cui l’utente tende ad esprimere la sua approvazione con un semplice Like o addirittura, come spesso accade anche in Italia (i famosi lurker!), si soffermi più semplicemente ad osservare ciò che gli abbiamo appena proposto come contenuto sul loro feed.

L'interazione su Instagram è calata del 33% in un solo anno

Pensavo infatti nel mio piccolo: sapete quante volte mia moglie mi spinge a guardare la foto dell’utente X, la sera mentre siamo sul divano, perché propone sempre qualcosa di originale?

Quasi quotidianamente.

Ma poi, la maggior parte delle volte, causa la distrazione di avermi proposto di osservare quel contenuto, fa scorrere il feed dimenticandosi di interagire.

Pertanto il calo dell’interazione c’è, ma non dell’apprezzamento. Inoltre, così facendo, fungiamo da influencer in un certo qual modo, se ci pensate.

Un’altra causa del recente calo di engagement su Instagram possiamo essere direttamente noi.

Essendo bombardati tutto il giorno e a tutte le ore da post sponsorizzati, ci allineiamo con la mediocrità con cui vengono proposte queste pubblicità. E spesso sono brand pubblici, che non hanno ancora capito come sfruttare le potenzialità delle Ads di Instagram!

Il mio consiglio quindi, per emergere in questa valle di lacrime, è di comunicare come se lo steste facendo con un amico, in modo autentico e diretto.

Il web e in questo particolare caso Instagram hanno delle tendenze ben precise: ciò che risulta essere una foto di culto, una foto che sfocia nell’arte, probabilmente sulla piattaforma non funzionerebbe, proprio perché il modo di comunicare ha regole differenti, più dirette, più friendly.

Guarda caso molto similari alla stessa tendenza in cui stiamo sfociando oggi: quella col target più affine a noi, al nostro brand.

E voi amici, avete notato un calo di engagement su Instagram nei vostri profili e negli account dei vostri clienti?

 

Total 1 Votes
0

Tell us how can we improve this post?

+ = Verify Human or Spambot ?

About The Author

Classe '83, tenero amante del tortellino in brodo, ex basketball player, tifoso di colori rossoneri, oggi papà e marito. Mi occupo di Social Media Marketing dal 2012 per PMI, aziende e brand pubblici. Dal 2015 mi sono verticalizzato sull'Instagram Marketing. Sono quella persona che siede davanti al computer tra le 8 e le 12 ore al giorno, per curare al massimo il tuo brand.

Commenta l'articolo!

5 commenti on "L’interazione su Instagram è calata del 33% in un solo anno"

  1. Ciao Alessandro!
    Verissimo. Spesso mi ritaglio un po’ di tempo durante l’arco della giornata per interagire. Solo interagendo ci viviamo a pieno Instagram e non è solo per una questione di visibilità come credono molti. In realtà conosci tante persone interessanti.

  2. Pingback: Come aumentare gli iscritti alla newsletter con Instagram

  3. Pingback: Concorsi a premi su Instagram: fate attenzione a CHI citate

  4. Pingback: La fidelizzazione del pubblico non è più un obiettivo di comunicazione

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*