Se vuoi ottenere più fan, non credere alla balena

566 6

Non fare come Pinocchio! Segui i miei consigli e la mia esperienza per ottenere nuovi fan sulla tua fanpage Facebook.

Se vuoi ottenere più fan, non credere alla balenaGli Insight, per molti ma non per tutti, vengono presi come oro colato e ciò può distogliere l’attenzione sulla vera interazione che gli utenti devono produrre sulla tua fanpage, per renderla più “pubblica” possibile. I Like sono importanti, certo, ma il coinvolgimento di più. Ecco: non sto dicendo che tutto ciò che viene riportato nei grafici sia una bufala, ti sto solo suggerendo di non fidarti troppo della balena!

Chi è e cos’è la balena?

Eccola qui:

Se vuoi ottenere più fan, non credere alla balena!

Ciao balena!

Per renderti bene l’idea ho preso come esempio la fanpage di un mio cliente, dove i suoi Insight mi stanno suggerendo che i migliori orari di pubblicazione sono tra le 13-14 e 20-22.

Bene, mettendo da parte l’EdgeRank che ha portato notevoli tagli di visualizzazioni, in questo anno da amministratore per questa particolare pagina aziendale, ho potuto notare che se postavo alle 9.00 di mattina e alle 15.00 del pomeriggio ottenevo il doppio delle interazioni e del coinvolgimento medio che avrebbe prodotto un contenuto programmato negli orari che mi consigliava lo stesso Facebook.

“Come mai? Mica te lo sei inventato!”, immagino ti starai chiedendo…

No, infatti, non me lo sono inventato: l’ho letto. Sì, l’ho letto attraverso i comportamenti che gli utenti avevano sulla fanpage e mi sono immedesimato in loro: arrivo in ufficio, mi siedo davanti al pc e non ho voglia di iniziare la giornata, così vado a vedere cosa c’è di nuovo su Facebook. Inoltre, mi sono ricordato di quando ero dipendente io e a metà pomeriggio non vedevo l’ora che venisse sera per staccare dal lavoro, così mi prendevo una pausa per gigioneggiare (al secolo cazzeggiare) sui social network.

Bingo! Mossa azzeccata: più interazione, più coinvolgimento, nuovi fan e cliente euforico.

Morale

Ok l’intuizione e ok gli Insight, ma ricorda sempre che ogni attività è a sé, ogni fanpage ha il suo target e, soprattutto, la sua storia, quindi, leggila bene e analizza sempre nel dettaglio come si muovono gli utenti sulla pagina.

Concludendo, tieni a mente questa dritta: nonostante l’italiano sia un tipo abitudinario, non è detto che tutte le settimane si comporti alla stessa maniera e tenda a fare ciò che ha fatto la settimana scorsa.

La tua esperienza

La tua esperienza, invece, cosa ti suggerisce? Trova riscontro nelle mie parole?

Total 0 Votes
0

Tell us how can we improve this post?

+ = Verify Human or Spambot ?

About The Author

Classe '83, tenero amante del tortellino in brodo, ex basketball player, tifoso di colori rossoneri, oggi papà e marito. Mi occupo di Social Media Marketing dal 2012 per PMI, aziende e brand pubblici. Dal 2015 mi sono verticalizzato sull'Instagram Marketing. Sono quella persona che siede davanti al computer tra le 8 e le 12 ore al giorno, per curare al massimo il tuo brand.

Commenta l'articolo!

6 commenti on "Se vuoi ottenere più fan, non credere alla balena"

  1. a me va alla grande 7 del mattino quando i kiters si svegliano per cercare il vento e poi alle 12 quando sperano ci sia vento nel pomeriggio…

    non male anche le 19-20…

    però il top è le 7 del mattino quando la balena direbbe che c’è meno gente!!!

    si vede che nel mio caso devo giocare di anticipo!

  2. Beniamino Franeschini

    Ciao Alessandro e grazie per lo spunto di riflessione. In vari casi ho avuto un’esperienza analoga alla tua, mentre per un sito col quale collaboro in questo periodo il riscontro è solo parziale. Nel tempo mi sono sempre fidato poco degli insights, quindi ho preferito modulare alcune scelte sulla base dell’osservazione pratica. Ho confrontato i dati che avevo raccolto con quelli di Facebook e, stranamente, ho avuto una sorta di coincidenza: le fasce di interazione maggiore nella mia analisi sono 7-9, 14-15 e 18-20, secondo gli insights 7-9, 12-14 e 19. Comunque è un’eccezione, perché nel 75% mi ritrovo nel tuo post, che mi ha rammentato la necessità di leggere tra le righe e cercare di comprendere sempre le ragioni e i ritmi degli utenti. Grazie!

    • Ciao Beniamino e grazie tante per il tuo contributo.
      Sì, è molto importante saper decifrare il messaggio che ci lanciano gli utenti tra le righe, indispensabile. Questo richiede anche esperienza, chiaramente, ecco perché bisogna affidarsi a professionisti 🙂

      Buone feste!

  3. Alessandro, interessantissimo spunto di riflessione. Il problema è che secondo me i comportamenti degli utenti sono piuttosto erratici e imprevedibili. Non lo stesso accade, invece, per i social media marketer 😉
    Cosa voglio dire? Voglio dire che secondo me il problema fondamentale è di evitare i periodi di sovraffollamento, in cui vengono pubblicati quasi tutti i post nelle fan page. In quei periodi pubblicano tutti e, evidentemente, la lotta per finire nei news feed si fa più aspra. Pubblicare nei momenti di bassa, anche se in presenza di minore frequentazione di FB da parte degli utenti, può invece favorire il reach e anche l’engagement. Insomma, per arrivare a un paradosso: alle 3 di mattina di domenica magari hai solo 5 fan collegati, ma quelli ti vedono di sicuro… 🙂

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*