Pagare moneta, vedere cammello.

803 2

E’ solo un anno che lavoro come freelance ma sono già infastidito da questo sistema di pagamento che io definisco da “strozzo”.

Da strozzo perchè arrivi sempre a fine mese con l’acqua alla gola, dovuto a questa moda (italiana) di non rispettare i termini di pagamento. Poi, in certi casi, ti fanno pure intendere che gli rompi le scatole quando li solleciti telefonicamente.

Caro cliente, io ho messo in gioco il meglio per te: la mia professionalità, la mia conoscenza, la mia esperienza ed i miei strumenti. Questo per poter dimostrare al tuo pubblico che il tuo prodotto è migliore di quello dei tuoi concorrenti. E tu che fai, mi fai saltare il pagamento per il terzo mese consecutivo? A mali estremi, estremi rimedi.

imgVendita

I tempi del “tu fai il lavoro che poi ci accordiamo per il pagamento” sono finiti. Se tu pagare moneta vedere cammello, se tu non pagare moneta non vedere cammello.

Ti faccio un esempio pratico: vai al forno a prendere del pane e quel pane, se ti sazierà, lo pagherai. NO. Prendi del pane al forno e lo paghi. Se poi quel pane che hai acquistato non ti piacerà, quel forno avrà perso un cliente.

Funziona così anche con noi freelance. Punto.

Amico, lettore o semplice follower, sono sicuro che anche tu hai un’esperienza di questo genere da poterci raccontare. Condividila con noi e lascia un tuo commento!

Total 0 Votes
0

Tell us how can we improve this post?

+ = Verify Human or Spambot ?

About The Author

Classe '83, tenero amante del tortellino in brodo, ex basketball player, tifoso di colori rossoneri, oggi papà e marito. Mi occupo di Social Media Marketing dal 2012 per PMI, aziende e brand pubblici. Dal 2015 mi sono verticalizzato sull'Instagram Marketing. Sono quella persona che siede davanti al computer tra le 8 e le 12 ore al giorno, per curare al massimo il tuo brand.

Commenta l'articolo!

2 commenti on "Pagare moneta, vedere cammello."

  1. Non faccio nomi, ma…
    Uno che ha tre autofficine, due capannoni industriali di ingrosso ricambi ed un concessionario sparsi in tutta Napoli mi doveva 300 euro e chiese un pagamento rateizzato in sei mesi. Ogni 2 del mese lui mi pagava. È andata così il primo mese, gli altri 5 tutti in ritardo. Sono arrivati, sì, ma in ritardo.

    • Ci credi che non mi sorprende la cosa, Mario?
      Che vergogna…pensare che negli altri stati europei se non paghi il giorno della scadenza sei “schedato”. Incredibile che in Italia sia totalmente il contrario.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*