Quello che non vi hanno mai detto di Instagram [GUIDA]

180 3
Quello che non vi hanno mai detto di Instagram

Instagram non è più quella piattaforma di nicchia dedicata esclusivamente alla fotografia e alla promozione della stessa, ma è divenuta una grande e forte possibilità di business dopo l’acquisizione di Facebook nel 2012.

Quello che non vi hanno mai detto di Instagram

Da settembre 2015 ho cominciato ad investire molto su questa piattaforma, dando alla luce un progetto fotografico con l’intento di portare visibilità alla mia terra, quella modenese (e limitrofi), e l’obiettivo dichiarato di provare a costruirne un business.

In particolare, essendo un amante del mio paese, desidero attirare l’attenzione di enti e aziende turistiche per la promozione del territorio, unendo così l’utile (lavoro) al dilettevole (scoprire tutta l’Italia, fotografia). Servirà tempo, costanza e ulteriori investimenti, ma il sogno può realizzarsi.

Allo stato attuale ho ancora molto su cui lavorare perché il mio pubblico è ancora modesto (ho circa 3.300 followers), sebbene siano già arrivati i primi contatti e qualche progettino abbia già avuto luce verde.

Ecco, a proposito di followers, mi sento di dirvi una cosa: in questi primi 4 mesi di grande lavoro sul mio account Instagram ho potuto notare che il primo parametro sul quale le aziende (potenziali clienti) si basano per contattarvi, è il numero di persone che vi seguono. Infatti, fino a quando non supererete il “limite” di 10 mila followers, le vostre possibilità di acquisizione clienti saranno pressoché minime.

Ho detto minime, e non nulle, proprio perché vi porto la mia recente esperienza: con un’obiettivo, un progetto fotografico, una bio che converta ed una costante pubblicazione, si possono già ottenere i primi risultati, e clienti.

Ma come hanno fatto i grandi di Instagram a raggiungere volumi di pubblico così consistenti e lavorare per marchi importanti?

  1. hanno cominciato ad essere attivi pubblicando foto prima della grande esplosione di Instagram (avvenuta sostanzialmente dopo l’acquisizione di Facebook nel 2012), ottenendo quindi un’ottima – e preventiva – visibilità
  2. sfruttavano – e sfruttano tuttora – la loro creatività, rendendosi originali con meravigliosi progetti fotografici
  3. utilizzavano i giusti hashtag, quelli più popolari (nell’eBook vedremo il perché)
  4. facevano networking con colleghi e competitors, pratica ancora molto utile, che attira l’attenzione del commentato sul commentatore
  5. attraverso la partecipazione fisica ad eventi e meeting pubblici, apportavano maggior visibilità al loro brand e, quindi, al loro profilo

Basta nel 2016 tutto questo?

NO.

Questa è solo la base da cui partire, ve lo do per garantito. Per raggiungere la vera visibilità ed ottenere tanti followers serve molto di più.

Ecco perché ho creato un eBook!

Che puoi scaricare cliccando qui –> SCARICA EBOOK

 

Total 0 Votes
0

Tell us how can we improve this post?

+ = Verify Human or Spambot ?

About The Author

Ciao! Mi chiamo Alessandro Pozzetti, sono un freelance e mi occupo di Social Media Marketing e Blogging. Sono quella persona che siede davanti al computer tra le 8 e le 12 ore, al giorno, per curare al massimo il tuo brand.

Commenta l'articolo!

3 commenti on "Quello che non vi hanno mai detto di Instagram [GUIDA]"

  1. Pingback: Quello che non vi hanno mai detto di Instagram ...

  2. Pingback: Il Facebook Booming è utile alle aziende? - APclick

  3. Pingback: Profilo Instagram: la prima impressione è quella che conta

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


(Richiesto)