I segreti per fare del buon blogging

578 3

Avevi già fatto caso che il primogenito di tutti gli scrittori del web, si chiama Blog?

I segreti per fare del buon blogging.jpg

Avere un blog, in particolare per uno scrittore del web, non è semplicemente fare blogging ma, è molto, molto di più.

E’ come un cucciolo che allevi, nutri, educhi e te ne prendi cura, con costanza, ogni santo giorno. Ma non sforzandoti, bensì con piacere e passionale gratitudine quotidiana, verso quel santone che lo ha inventato e messo a disposizione di tutti.

Il blogging

E’ il mestiere del blogger o una delle materie del Web Writer e del Copywriter.

Fare del buon blogging, però, non significa solo scrivere bene e/o produrre contenuti di qualità, dietro a quest’arte, c’è altro.

Innanzitutto c’è una piattaforma; io utilizzo WordPress, perché credo sia di gran lunga la migliore ma ce n’è una varietà infinita, per tutti i palati. Come (immagino) saprai, questo canale, offre la possibilità di miglioramenti e quindi l’installazione di plugin.

Ce ne sono migliaia di utili e meravigliosi. Il collega e amico Roberto Gerosa, in questo articolo, ne ha individuati alcuni fra i migliori e, ovviamente, non ho potuto fare a meno di seguirlo a ruota. Personalmente mi permetto di segnalarti SEO Yoast, che trovo indispensabile, in quanto non amante e particolare estimatore dell’attività di search engine optimization. Da quando ne faccio usufrutto, ammetto che me la tiro parecchio con tutti i pallini verdi accesi che mi regala settimanalmente 🙂 …inoltre, ti darà manforte nel far emergere i tuoi articoli fra le serp di Google.

Tuttavia non voglio perdermi in particolari caratteristiche tecniche del blogging; di guide tecniche ce ne sono già parecchie e, purtroppo, non sarò certo io ad insegnarti qualcosa di nuovo anzi, probabilmente ti direi cose che avresti già sentito od addirittura già assimilato.

Preferisco soffermarmi sul lato morale/passionale.

Già, passionale. Perché è una passione oltre che un lavoro e va coltivato con “amore”.

Spesso mi chiedono: “Qual è il segreto per fare del buon blogging?” ed io rispondo “Vuoi sapere il segreto di tutti o il mio?”

Perché rispondo così? Te lo dico subito: di consigli ce ne possono essere tanti ma, tutti, ne abbiamo uno in comune e che ci fa contraddistinguere l’uno dagli altri. Qual è questa caratteristica? Lo stile.

Ognuno di noi ha uno stile, nel proprio fare blogging, che lo rende più originale di un collega qualsiasi.

Sì, c’è professionista e professionista, per l’amor di dio. Se pensi che c’è gente che si propone come “blogger” poi, quando gli domandi di poter visionare il suo blog, ti risponde che è la sua pagina Facebook…

Detto questo, lo stile del tuo fare blogging non nasce una sera per caso. Va studiato e testato ogni giorno, con generosa pazienza e applicazione. Io, per approfondire meglio questo campo, ho seguito giornalmente professionisti del mestiere, mettendo in pratica i loro suggerimenti ed ottimizzandoli alla mia scrittura. Ho acquistato e letto libri di diversi scrittori del web (dio solo sa quanti soldi ho speso alla Feltrinelli!) tutti più o meno utili alla mia formazione.

Ecco: la formazione. Molti tralasciano questo aspetto, pensano soltanto sia danaro investito male in quanto, quello che ci serve per formarci, è già tutto disponibile sul web.

Non c’è niente di più sbagliato! Le risorse personali dei formatori, aggiornate a quel medesimo corso, non sono le stesse che puoi trovare qua e là, inoltre, come dice il buon Claudio Gagliardini “La bravura di un formatore non sta (sol)tanto nell’insegnare qualcosa, ma piuttosto nel mostrare opportunità e prospettive di quello che insegna, appassionando i propri allievi e rendendoli partecipi e protagonisti di un processo dinamico e creativo. Oggi le nozioni non bastano più, per quelle c’è Google.” 

Penso non ci sia bisogno di aggiungere altro, vero? 😉

Ora ti manca il mio segreto, per concludere questo giro di oggi sul blogging. Ti anticipo già che non è nulla di straordinario ma è quella semplice azione che molti anzi, moltissimi, che vogliono fare questo lavoro tralasciano.

Te lo dico subito: è la costanza.

La costanza di non mollare mai, di sapere che ho sempre qualcosa da imparare, di dimostrare a me stesso che posso sempre migliorare, di abbellire la mia vetrina con estremo accorgimento perché fonte del mio lavoro, di poter dare un servizio sempre migliore al mio cliente e di mantenere fede al mio calendario editoriale, che ho professato con te che sei il mio pubblico, nonostante i mille impegni settimanali che questa professione porta.

Questo è il mio segreto, questo è il mio “trucco”.

La tua prospettiva di buon blogging

Oggi mi sono aperto e ti ho voluto far entrare e far osservare, da un’angolazione più intima, quella che è parte della mia professione.

Ora dimmi di te. Qual’è la tua idea di blogging? Hai un segreto in particolare, come me, per lo sviluppo di quest’arte?

Total 0 Votes
0

Tell us how can we improve this post?

+ = Verify Human or Spambot ?

About The Author

Classe '83, tenero amante del tortellino in brodo, ex basketball player, tifoso di colori rossoneri, oggi papà e marito. Mi occupo di Social Media Marketing dal 2012 per PMI, aziende e brand pubblici. Dal 2015 mi sono verticalizzato sull'Instagram Marketing. Sono quella persona che siede davanti al computer tra le 8 e le 12 ore al giorno, per curare al massimo il tuo brand.

Commenta l'articolo!

3 commenti on "I segreti per fare del buon blogging"

  1. Ogni tanto mi viene voglia di creare un corso per blogging, ma poi ci ripenso. E ci ripenso perché, in fondo, come hai scritto, tutto quanto è già sul web e è inutile spiegare a pagamento cosa sia un piano editoriale e come si scrive per il web, quando quelle informazioni esistono adesso gratis ovunque e in ogni lingua.

    Quello che può fare un formatore è stimolare, cosa che diventa difficile farlo per iscritto. Proprio come ha scritto Claudio. Inutile dire di più, perché in quelle righe c’è proprio tutto quello che uno dovrebbe insegnare a un qualsiasi corso che riguardi il web.

    Tornando alla tua domanda, il blogging funziona se ci credi, prima di tutto, e se non diventa un peso, come credo stia succedendo a me da qualche tempo. Ma anche se hai qualcosa da dire e, soprattutto, se credi valga la pena farlo, se vuoi davvero dire qualcosa.

    • Sì Daniele ed hai toccato una corda molto rilevante della mia filosofia di pensiero: “se vuoi davvero dire qualcosa”.

      Non ho capito però una cosa o forse (spero) l’ho solo intesa male: sta diventando un peso per te?
      Se fosse così, guai a te 🙂 …sei parte della mia formazione quotidiana!

  2. Sì, lo sto sentendo come un peso, ora, scrivere sia in uno sia nell’altro blog. A cosa è dovuto non so, forse solo confusione mentale di questo periodo.

    Grazie della stima 🙂

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*