Il “segreto” per reclutare influencers di Instagram (a zero budget)

1741 1

 

Se c’è una cosa che ho imparato in questi quattro anni da professionista, da freelance, è che il futuro di un rapporto di lavoro è basato – e si baserà sempre di più – sul rapporto umano.

“Eh, bravo, hai scoperto l’acqua calda!” direte voi…

In un certo senso avete ragione, può sembrare banale. E ve lo concedo, in fondo il rapporto umano è sempre stato d’obbligo se si desidera lavorare.

Ma, lavorare, come?

Di certo non inteso come lo standard attuale.

Più volte, infatti, ho ribadito il concetto che il futuro di ogni rapporto professionale sarà tra cliente e fornitore, ovvero a progetto (come nelle società più evolute), e non tra dipendente e datore di lavoro.

Ed è in tal senso che il rapporto umano diventa fondamentale in questo meccanismo.

Proprio come tra cliente ed influencer di Instagram!

Il segreto per reclutare influencers di Instagram (a zero budget)Recentemente ho avviato una campagna di influencer marketing, andando ad analizzare per conto del mio cliente quali potevano essere gli account più ingaggianti su Instagram, per il suo prodotto e per il suo segmento.

Molte di queste persone avevo già avuto modo di conoscerle e dialogarci grazie al web, alla potenza dei social in particolar modo, quindi, non nego che il processo di arruolamento possa essersi semplificato fin da subito.

Ma, perché si è semplificato? Ve lo siete chiesti?

Grazie al rapporto umano! Quello che avevo costruito in precedenza con loro.

Sono persone come voi: cosa vi aspettavate?

Il calore e la trasparenza di un dialogo, sano, seppur basato su regole professionali, è il muro portante di un rapporto di lavoro efficace e duraturo.

Evitate false promesse, soprattutto se sapete che non c’è budget da potergli offrire.

Proprio qui, infatti, nasce il mio GRANDE CONSIGLIO per voi: se il prodotto ed il vostro cliente lo concedono, giocatevi la campagna di reclutamento sulla credibilità del brand, che è il vero valore che avete da mettere sul tavolo di trattativa.

Attenzione però, ciò non significa che gli influencers di Instagram si accontentino sempre di essere pagati sotto forma di prodotti e servizi, anzi, sarà molto difficile ingaggiarne con questa modalità, ma se davvero non c’è liquidità da investire allora la soluzione più efficace è sempre la credibilità del brand che rappresentate.

Il rapporto umano con gli influenzatori, come dicevamo anche in precedenza, diverrà la rampa di lancio per le vostre campagne di influencer marketing.

E voi, avete già provato a reclutare influencers di Instagram? C’è un consiglio in particolare che vi sentite di dare basato sulla vostra esperienza?

 

Total 1 Votes
0

Tell us how can we improve this post?

+ = Verify Human or Spambot ?

About The Author

Classe '83, tenero amante del tortellino in brodo, ex basketball player, tifoso di colori rossoneri, oggi papà e marito. Mi occupo di Social Media Marketing dal 2012 per PMI, aziende e brand pubblici. Dal 2015 mi sono verticalizzato sull'Instagram Marketing. Sono quella persona che siede davanti al computer tra le 8 e le 12 ore al giorno, per curare al massimo il tuo brand.

Commenta l'articolo!

1 commento on "Il “segreto” per reclutare influencers di Instagram (a zero budget)"

  1. Pingback: Instagram, perché monitorare le performance di un hashtag

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*