Hai scelto il giusto social media per la tua attività?

948 9

Per l’azienda italiana, un annoso problema, è quello di farsi trovare da potenziali clienti sul web. Sì, può avere un sito (molto spesso fine a se stesso) ma su quale canale social media comunica col suo pubblico? Beh, chiaro no: Facebook o nulla.

aziende italiane, social media

Mi trovo molto spesso a dover motivare ad un’azienda o ad un’agenzia mandante, la giusta scelta dei canali social media sui quali comunicare e farsi trovare dai propri o potenziali clienti. Per i datori di lavoro in particolare (o chi per loro), in Italia, esistono solo due piattaforme: il sito web e Facebook.

Il sito web, 90 volte su 100, è abbandonato a se stesso o non funge al bisogno dell’azienda. Su Facebook, invece, mi trovo ad analizzare profili pubblici adattati ad aziendali o fan-page create nel 2011 (dico per assurdo), con qualche foto o qualche status pubblicati ogni 2/3 mesi (non dico per assurdo!), senza un’immagine di copertina e con una foto profilo sgranata e che si scorge a malapena il logo dell’azienda.

Amica azienda, sappi che non esiste solo il sito web aziendale e Facebook. Il tuo pubblico ti cerca ovunque ma, soprattutto, il tuo pubblico ti vuole trovare dove è giusto che tu debba essere presente!

Come scegliere il giusto social media per la tua attività

Sì, le immagini stanno diventando parte indispensabile su ogni social media ed ogni azienda preferisce postare un’immagine, ad oggi, più che scrivere uno status. E’ più veloce, più d’impatto e più cliccata, sicuramente. Ma, i tuoi utenti, possono essere interessati al tuo tornio se hai un’azienda di meccanica o al tuo forno se hai una fonderia?

No, chiaramente.

Ecco perché è giusto, azienda, che tu sia consapevole di quale social media possa essere più adatto alla tua attività.

QUALI CONTENUTI ABBIAMO A DISPOSIZIONE?

  1. TESTO: il classico “status”. Ad oggi, forse, è il contenuto meno apprezzato dall’utente ma ha una parte fondamentale da non trascurare: il link.
  2. VIDEO: il contenuto che non è mai andato giù di moda e che è sempre il più cliccato. Grazie ai social media, la sua viralità, può raggiungere valori incredibili.
  3. IMMAGINI/FOTO: sono in prima posizione ed hanno un vantaggio notevole rispetto alle altre due candidate. Una bella immagine, cattura sempre l’attenzione.

QUALI SOCIAL ABBIAMO A DISPOSIZIONE? (i più utilizzati in Italia)

  1. FACEBOOK: il più utilizzato da aziende e privati, ma anche il più commerciale. Su Facebook possiamo trovare veramente ogni tipologia di utente: da l’idiota, a l’analfabeta, fino ad arrivare al professionista. E’ adatto per status, video e immagini. Unico neo: la visibilità. Se vuoi essere visibile, al tuo potenziale pubblico, devi pagare.
  2. TWITTER: utilizzato maggiormente da giornalisti e professionisti di settore. Di recente, i grandi marchi, stanno investendo molto in questo social media. Pochi privati, per lo più ragazzini in cerca di una via alternativa per non farsi seguire dai genitori e dai professori su Facebook. E’ perfetto per contenuti brevi.
  3. GOOGLE+: diventerà Il Social, un giorno. Per ora è sfruttato molto da amanti di: tecnologia, web, moda, food ed automobili. Le sue community sono la miglior fonte di conversazione che ci sia attualmente, in quanto abitata da veri professionisti. Al momento, scarsa densità dell’utente medio Facebook.
  4. LINKEDIN: se hai un’attività non puoi non essere su LinkedIn. Social media improntato sulla professione, quindi utilizzato molto da aziende per la ricerca di nuove opportunità di lavoro ed assunzione di nuovi dipendenti. E’ popolato da utenti seri.
  5. PINTEREST: il social media visual più in crescita. Proprio perché ancora in crescita, in fase di studio dalle imprese e professionisti. E’ improntato principalmente sulle immagini, quindi ottimo per contenuti di moda, food, casa, bellezza e fotografia. Il vero boom è ormai imminente!
  6. INSTAGRAM: inutile descrivervelo, dato che è una delle app più scaricate ed utilizzate di sempre in tutto il mondo. Il suo utilizzo lo conoscono anche i muri! E’ adatto agli stessi settori di Pinterest ed utilizzato da ogni fascia di età (dai 14 ai 65 anni, di media).
  7. YOU TUBE: la piattaforma video più famosa. Hai bisogno di un tutorial, di vedere un video musicale o di una ricetta per la torta? Qui, c’è. Anzi, qui trovi di tutto.
  8. FOURSQUARE: è il social media geo-local per eccellenza. Adatto ad Hotel, Ristoranti, Pub, musei e negozi di ogni genere. Segnalazioni e commenti di feedback possono senza dubbio portare notorietà al brand.
  9. BLOG: sì, anche il blog è un social media, cara azienda. Sappi che per comunicare coi tuoi clienti ed il tuo pubblico, approfondendo temi di ogni genere al tuo settore, è la miglior piattaforma che ci sia sul web ed a disposizione di tutti.

E tu, hai capito qual è il tuo social media?

Azienda, trovare il tuo pubblico sui social media non è difficile, come non lo è capire il target che vuoi raggiungere e quale sarà l’obiettivo della campagna di marketing . Una volta impostati questi parametri, pianificare una corretta strategia sarà solo una formalità.

Io ho descritto gli aspetti più importanti, nelle righe precedenti. Ora, dimmi: il tuo brand è iscritto e raggiungibile sulle giuste piattaforme social media?

 

Total 0 Votes
0

Tell us how can we improve this post?

+ = Verify Human or Spambot ?

About The Author

Classe '83, tenero amante del tortellino in brodo, ex basketball player, tifoso di colori rossoneri, oggi papà e marito. Mi occupo di Social Media Marketing dal 2012 per PMI, aziende e brand pubblici. Dal 2015 mi sono verticalizzato sull'Instagram Marketing. Sono quella persona che siede davanti al computer tra le 8 e le 12 ore al giorno, per curare al massimo il tuo brand.

Commenta l'articolo!

9 commenti on "Hai scelto il giusto social media per la tua attività?"

  1. Pingback: Hai scelto il giusto social media per la tua at...

  2. Ciao Alessandro, bell’articolo!
    Hai fatto una lista molto chiara dei pro e contro di ciascuna piattaforma, da scegliere in base alle esigenze di target e contenuti aziendali!

    Bisogna sempre ricordare che non è detto che un brand debba essere per forza presente su tutte le piattaforme social!
    Anzi, a volte la presenza forzata su più social network si vede, perché le pubblicazioni sono poco curate, o addirittura alcuni social sono abbandonati!

    E poi, non è detto che tutti i social funzionino a dovere!

    Hai visto anche quest’infografica carinissima che ho trovato in rete tempo fa?
    https://plus.google.com/+DiegoMozzo/posts/USP1eTe217G (l’ho inserita in un mio articolo perchè era trooooppo carina!!)

    E’ creata da Diego Mozzo e ispirata da un articolo di Cinzia di Martino, e rende in maniera “visiva e immediata” tutte le idee che hai così ben sviluppato nell’articolo.

    Keep goin’..ti leggo sempre 🙂

    • Grazie per la segnalazione Irene, non l’avevo mai notata questa infografica. Davvero carina, hai ragione!
      Mi fa piacere tu abbia apprezzato l’articolo ed è ancor più importante sapere che siano utili le informazioni che riporto nei miei post. Ti ringrazio.
      Continua a seguirmi allora eh!!
      Ciao

  3. Un ottimo articolo che mi trovo a condividere in pieno. Ho a che fare con aziende che vogliono presentarsi in rete in maniera diversa dal solito sito e non faccio altro che predicare ciò che tu dici

    • E’ una bella battaglia, dì la verità… 🙂
      Lo so, ti capisco, ci vuole molta pazienza. Arriveranno anche le nostre aziende comunque, presto o tardi, a capire l’importanza di ogni parte del web marketing…dal commento, al social, al blog!

      Toglimi solo una curiosità, Ferruccio: dopo che hai “predicato”, riesci a convincerli?

  4. Pingback: Piano e calendario editoriale per social media: sì, servono - APclick

  5. Pingback: Less is more: i video brevi aumentano l'engagement - APclick

  6. Pingback: Guadagnare tanto e lavorare poco: diventa freelance! - APclick

  7. Pingback: Brand: (quando) è giusto disattivare i canali social? - APclick

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*