Chi sono i micro-influencer di Instagram e perché sono così efficaci

3409 1

Secondo una recente ricerca di Klear i post sponsorizzati ed i post organici su Instagram dei micro-influencer, ottengono un miglior ROI rispetto a qualsiasi contenuto proposto dai macro-influencer.

Ma andiamo per gradi: chi sono i micro-influencer e chi sono i macro-influencer?

Il team di Klear ha suddiviso in due categorie quelli che normalmente vengono definiti Instagram Influencer:

  • i micro-influencer, che sono coloro che non hanno un alto tasso di celebrità su Instagram (mediamente sotto i 90 mila follower)
  • i macro-influencer, che sono coloro che hanno un alto tasso di celebrità su Instagram (mediamente sopra i 90-100 mila follower)

.

Ora che abbiamo conosciuto meglio i due protagonisti di questa ricerca, andiamo a vedere come mai – su un campione di 1.000 Instagram Influencer – i risultati migliori sono stati ottenuti da chi aveva a disposizione un minor seguìto di follower.

 

Sei un’azienda? Il tuo numero di follower su Instagram non conta più!

 

Ecco i dati ricavati dall’analisi di Klear:

  1. i post sponsorizzati dai micro-influencer ottengono il 47% di engagement in più rispetto a quelli dei macro-influencer;
  2. i post sponsorizzati dai macro-influencer ottengono un calo dell’engagement del 14% rispetto a quelli dei micro-influencer;
  3. i post sponsorizzati dei micro-influencer ottengono fino a 3 volte Like in più rispetto a quelli dei macro-influencer;
  4. la percentuale media di engagement dei micro-influencer risulta quasi il doppio rispetto a quella dei macro-influencer, sia per i post sponsorizzati che per i post organici;
  5. mentre per i macro-influencer i commenti sotto ai post sponsorizzati calano drasticamente, per i micro-influencer il numero di commenti aumenta.

Perché i micro-influencer di Instagram ottengono migliori risultati dei macro-influencer?

Se da un lato i macro-influencer hanno la possibilità di raggiungere più utenti in target grazie anche al loro “parco follower”, i micro-influencer di Instagram attraverso una comunicazione più personale verso una community più ristretta riescono ad incidere maggiormente e dunque ad ottenere un miglior ROI.

Questa esperienza, infatti, diviene ancor più significativa quando i post sponsorizzati dei macro-influencer ottengono maggiori visualizzazioni mentre i contenuti dei micro-influencer acquisiscono più interazioni.

Ecco perché…

Community, e non semplici follower

I micro-influencer di Instagram non hanno ancora perso la capacità di dialogare costantemente con la propria community che si sono duramente costruiti nel tempo, cosa che i macro-influencer invece hanno smesso di fare. Questo, probabilmente perché concentrati su più progetti (rispetto ai micro), arrivando dunque a soffermarsi nel sottoporre ai propri follower contenuti in target, senza quell’essenziale “contorno” che prima curavano ed oggi, per l’appunto, è divenuto la fortuna dei micro-influencer.

Ciò mi porta a dire che: se l’aumentare dei progetti proposti dai band è direttamente proporzionale alla perdita di dialogo con la community, allora è meglio accedere esclusivamente alle proposte di lavoro qualitativamente migliori e che concedano lo spazio di interagire coi propri seguaci.

Perché quando si perde di vista l’attenzione verso di loro, come abbiamo visto anche dai dati di Klear, gli influenzatori risultano meno efficaci.

La pertinenza

Pensiamo ad un big account, quindi ad un macro-influencer, il suo parco follower sarà inevitabilmente composto da persone con differenti interessi, grazie alla sua popolarità. Questa caratteristica, da un lato lo rende adattabile a più settori ma da un altro lato lo penalizza in termini di pertinenza.

I numeri ottenuti dai micro-influencer sono talmente efficaci che investire un grosso budget per un macro-influencer per molti brand non conviene più. Meglio più micro-influenzatori (costano meno) con la grossa capacità di diffondere il messaggio ad una nicchia certa, rispetto a pochi macro-influenzatori (costano di più) con la capacità di proporre il messaggio ad un pubblico più di massa.

Conoscere i propri follower

Quando sei un micro-influencer di Instagram non hai ancora perso il contatto con la realtà, dunque l’interazione con quei follower come amici, parenti o conoscenti che provengono dall’offline risulta molto naturale, e questo va inevitabilmente ad aumentare l’affidabilità nell’inconscio della restante community che legge.

Perché i rapporti personali, all’utenza, piacciono… ed accorciano ancora di più le distanze fra voi e loro!

Chi sono i micro-influencer di Instagram e perché sono così efficaci

Se fossi in un’azienda chi assumerei

Se fossi in un’azienda assumerei quasi esclusivamente dei micro-influencer, per il miglior rapporto Costo-ROI. Non mi escluderei tuttavia la possibilità di lavorare con qualche macro-influencer, qualora il budget lo permettesse e qualora i prescelti risultassero pertinenti ai miei obiettivi.

Ah, quasi dimenticavo: diffidate da chi si presenta spontaneamente come un influencer, o addirittura si attesta come tale!

Se fossi un macro-influencer in cosa dovrei migliorare

La ricerca di Klear parla chiaro: più seguaci hai e meno risulti efficace. Ma l’efficacia sta anche nel dialogare con il pubblico, facendolo sentire a tutti gli effetti una community e non dei semplici follower.

Dunque…

Se fossi un micro-influencer cosa farei

Manterrei la rotta, semplicemente. Senza perdere mai di vista quelli che sono i trend di Instagram e come lavorano i miei concorrenti.

Lavorerei esclusivamente per progetti qualitativamente seri (magari anche remunerativi, il ché non guasta mai) ma concedendomi sempre lo spazio per proporre alla mia community ciò che desidera, dialogando con loro e mostrando con la solita trasparenza il mio lato umano.

Total 8 Votes
0

Tell us how can we improve this post?

+ = Verify Human or Spambot ?

About The Author

Classe '83, tenero amante del tortellino in brodo, ex basketball player, tifoso di colori rossoneri, oggi papà e marito. Mi occupo di Social Media Marketing dal 2012 per PMI, aziende e brand pubblici. Dal 2015 mi sono verticalizzato sull'Instagram Marketing. Sono quella persona che siede davanti al computer tra le 8 e le 12 ore al giorno, per curare al massimo il tuo brand.

Commenta l'articolo!

1 commento on "Chi sono i micro-influencer di Instagram e perché sono così efficaci"

  1. Molto interessante, che i micro influencer potessero dare risultati migliori dei macro lo sospettavo anche se credo ( come un po’ in tutto ) dipenda molto dal settore specifico. Un costume da bagno su di una Belen può dare un ritorno superiore a quello dello stesso prodotto su 1000 altre belle ragazze

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*